Le Recensioni

Home » Le Recensioni

Crisi di nervi di Anton Čechov al teatro Biondo Palermo

fotografia di redazione

Egle Palazzolo

Si conclude, come suol dirsi, in bellezza la stagione teatrale del Teatro Biondo di Palermo diretto da Pamela Villoresi anche lei in chiusura del suo mandato. Sette bravissimi attori sette, e citiamoli con attenzione: Maddalena Crippa, Alessandro Sampaoli, Sergio Basile, Gianluigi Fogacci, Alessandro Averone, Sergio Basile, Emilia Scatigno, in sapiente regia di Peter Stein, hanno disegnato con disinvolta ironia tre atti unici di Cechov, in chiaro odor di “vaudeville”, resa da par suo tra una risata e l’altra, con una, non troppo sotterranea, dose di crudeltà . Quella che, nei suoi molteplici drammi di età matura, avrebbe trovato spazio nelle complesse vicende di umane delusioni o malinconiche

2024-05-19T14:59:04+00:0019 Maggio 2024|Categorie: Le Recensioni|1 Commento

CONFESSIONE A DUE

 

fotografia di redazione

Anna Maria Bonfiglio, Clelia Lombardo, Doppia voce, Edizioni Arianna, 2023

Eleonora Chiavetta

La raccolta di poesie Doppia Voce, dedicata al poeta Nicola Romano, presenta in due sezioni distinte versi delle poetesse Anna Maria Bonfiglio e Clelia Lombardo. Può sembrare un’avventura la decisione di unire due voci poetiche nello stesso spazio editoriale e di instaurare così un dialogo, una conversazione in cui ognuna guarda alla quotidianità del proprio vivere, con tutte le sue difficoltà, le certezze e i dubbi, le speranze e le delusioni, e la commenta, la celebra e rivela, condividendola con l’altra voce poetica prima ancora che con il pubblico che leggerà questi testi. Alla base di tale avventura deve

2024-05-01T15:32:34+00:0030 Aprile 2024|Categorie: Le Recensioni|0 Commenti

Sea Paradise

 

fotografia di redazione

 

Egle Palazzolo

Per un po’ ce la fa Eleonora Lombardo a tirarci sul terreno che vuole, all’interno di una “storia”dove immaginario e plausibile giocano su un paio di ineluttabili interrogativi, alcuni dei quali determinano più volte pesanti conteggi nel corso dell’intera esistenza. 

Diciamo per un po’, perché pagina dopo pagina, Sea Paradise, appena edito da Sellerio, introduce nel magico transfert di due indivisibili amiche ormai settantenni, all’interno di una crociera che compirà in sette giorni il suo misterioso viaggio ma sempre, quasi a un passo dalla stessa autrice che centellina con loro e con ogni personaggio intorno, dialoghi e ricordi, paure e risorse da cui trarre, non può escludersi

2024-04-26T13:32:22+00:0026 Aprile 2024|Categorie: Le Recensioni|0 Commenti

Bello e possibile

Eleonora Chiavetta 

Parlare di giardini e della rappresentazione dei giardini nella letteratura può sembrare una strana operazione in un momento storico come quello che stiamo vivendo in cui le certezze sono molto poche e per nulla rassicuranti e in cui soprattutto siamo attaccati quotidianamente da immagini e notizie di violenza, morte, guerra, distruzione. Da sempre, tuttavia, il giardino è metaforicamente, ma non solo, uno spazio di resistenza a tutto ciò. Nel suo lungo poema The Garden [Il giardino] (1946), composto dagli inizi del 1939 fino al 1945, in un periodo coincidente con la seconda guerra mondiale, la scrittrice inglese Vita Sackville-West, affermava “Piccoli piaceri devono emendare grandi tragedie/dunque di giardini nel pieno della guerra/io con coraggio parlo”, aggiungendo che

2024-04-04T14:50:39+00:004 Aprile 2024|Categorie: Le Recensioni|0 Commenti

I Ragazzi irresistibili

fotografia di redazione

Egle Palazzolo

Continuano ad essere irresistibili i due vecchi ragazzi che Neil Simon consegnò al teatro, al cinema e, ove si voglia, alla lettura, se si fa riferimento al gusto di un dialogo incalzante e ad effetto tra i due personaggi soprattutto. Si tratta di due attori comici, un tempo in coppia tra loro e altrettanto in onesta e ininterrotta polemica, che un impresario prova a mettere insieme undici anni dopo.   

Di fronte a uno spettatore divertito si snoda uno spaccato umano, che la voluta spavalderia dell’uno e la caparbia ostilità dell’altro finiranno per non nascondere.

Al teatro Biondo sala piena ad ogni recita e scroscianti applausi per uno spettacolo distensivo

2024-03-08T20:05:47+00:008 Marzo 2024|Categorie: Le Recensioni|3 Commenti

GREEN BORDER Il film di A. Holland ci parla di “Confini” territoriali e non solo

fotografia di redazione

 

 

 

Viviamo in un mondo in cui sono necessari grande immaginazione e coraggio per affrontare tutte le sfide dei nostri tempi. La rivoluzione dei social media e l’intelligenza artificiale hanno ostacolato sempre di più̀ l’ascolto di voci autentiche. A mio avviso, non ha alcun senso impegnarsi nell’arte se non si lotta per quelle voci, se non si lotta per porre domande su questioni importanti, dolorose, a volte irrisolvibili, che ci mettono di fronte a scelte drammatiche. Questa è esattamente la situazione in atto al confine tra Polonia e Bielorussia.” A. Holland 

Rosella Corrado

Dopo Io capitano di Matteo Garrone e The old oak di Ken Loach è arrivato nelle sale

2024-02-25T17:24:27+00:0015 Febbraio 2024|Categorie: Le Recensioni|5 Commenti

Nozze di sangue al Teatro Biondo di Palermo

 

 

 

 

 

 

 

 

Fotografia Antonio Parrinello

 

 

Egle Palazzolo

Solo settanta minuti di spettacolo e, all’insegna di uno dei più noti testi di Garcia Lorca, al teatro Biondo, un pubblico foltissimo è pronto all’applauso. A lavorare su una particolare rilettura di “nozze di sangue” è il regista Lluis Pasqual che del poeta andaluso va considerato un esperto. La sua proposta è un invito a rincorrere il dramma in un contesto scenico che mescola la parola al canto, la danza singola a quella di gruppo, gli stop, gli stacchi improvvisi tutti o quasi modulati al suono del flamenco.
E l’idea di rappresentare un lavoro teatrale tenendo conto del tempo che lo distanzia da noi o dai gusti, per molti

2024-01-15T13:29:53+00:0015 Gennaio 2024|Categorie: Le Recensioni|1 Commento

I sorrisi non fanno rumore: Intervista a Enrica Tesio

Deborah Pirrera

La prima volta che ho sentito parlare di Enrica Tesio è stata leggendo un suo post su Facebook. Le sue parole mi hanno colpita, il modo in cui usa le parole mi ha colpita: pesanti e leggere allo stesso tempo, senza fronzoli, di quelle che mirano al sodo e ti tirano dentro. Seguendo il suo profilo  il più delle volte le sue parole mi fanno letteralmente morire dal ridere ma poi mi fanno pensare. Sì, mi fanno pensare che stia parlando con me e di me, come se mi trovassi con un’ amica davanti a un caffè, un’ amica che conosco da sempre. In questo Enrica Tesio è brava, molto,

Inferno e non ritorno

Egle Palazzolo

“Il male riconosce il male e lo elegge suo ambasciatore nella terra”. Ce la prendiamo di peso questa frase che ci porta a dire grazie a Chiara Muti, regista concreta e creativa che spinge senza tregua un suo Don Giovanni, ora riconoscibile ora nuovo, calato con costante istanza di contenuti nella scena, nei suoi cambi, nei suoi colori che hanno la sovranità del grigio e del nero.

In tandem eccezionale con Riccardo suo padre (attesissimo e applaudito a tutto campo, in un Teatro Massimo assolutamente colmo) la Muti firma e quasi promulga un personaggio in cui ogni sinonimo è marginale – seduttore, vanesio, libertino – quanto scandito è invece, il suo

2023-10-29T17:09:28+00:0029 Ottobre 2023|Categorie: Le Recensioni|0 Commenti

“ll Dono”. Intervista a Paola Barbato

Deborah Pirrera 

Non amo i Thriller, solitamente non rientrano tra le mie letture preferite. Conosco alcuni classici del genere e ho avuto modo di apprezzarli ma non posso definirmi una intenditrice. Eppure so riconoscere quando mi trovo un buon libro tra le mani, anche un thriller. Uno di quei libri che ti fanno fare tardi la notte, che non vedi l’ora di leggere perché vuoi sapere come va a finire, incollata alla pagina, con i personaggi che ti parlano mentre sei intenta a fare tutt’altro, di cui credi di aver intuito il finale ma vieni costantemente spiazzata perché nulla è come sembra.  Il Dono di Paola Barbato è un libro bellissimo.

In un

Torna in cima