Estate, tempo di poesie

2 agosto 2018 di: Mezzocielo

L’estate è nel suo stupefacente splendore.

Perché, in fondo, ogni anno è così, il caldo ci meraviglia, il sole ci abbacina e in questi ultimi giorni ci confondono non solo gli annuali splendori ma le pessime notizie su chi arriva per mare, chi vive, chi muore. Non parlo di navi da crociera, è chiaro, ma di gommoni che sembrano costruiti per il naufragio.

Accanto alle tristi notizie e a situazioni che certo non smetteranno di essere al centro della nostra attenzione e di starci a cuore, ci vorremmo adeguare un po’ all’inevitabile aria vacanziera che la stagione ci trasmette cercando di smussare le tragedie, i conflitti, le garrule liti fra politici.

Per risollevare gli animi, ma anche per fare riflettere – abbiamo pensato – cosa c’è di meglio se non la lettura di una serie di poesie che ci accompagneranno durante la gran calura?

7 commenti su questo articolo:

  1. Maria l.b. ha detto:

    alla gente non interessa la poesia la gente passa distratta davanti a una poesia
    non si ferma non la raccoglie non la pesa non la discute
    è indifferente
    pazienza
    e sugli scaffali si accumula solo polvere
    e il sangue e il cuore
    continua a battere
    solitario
    e solo.
    Maria Lo Bianco

  2. silvana ha detto:

    No ti rassicuro tanti leggono ed amano le poesie, ogni volta che le inseriamo nel sito è un successo.

  3. Maria l.b. ha detto:

    ..è che sto scrivendo tante poesie e le mando a dacia maraini che mi dice che ne vuole fare un libro e pubblicarlo ma che gli editori sono restii a pubblicare poesia perchè rimane sugli scaffali e non si vende. me l’ha detto lei.
    Maria
    ps ..cmq questa ti piace? ti è piaciuta? è una poesia sulla poesia….

  4. Maria l.b. ha detto:

    E ancora viva le due esse:sesso e soldi !
    le esse esse di ogni tempo
    di ogni epoca
    quelle che decidono
    il bello e il cattivo tempo
    quelle che fanno girare il mondo
    dammi il tuo corpo
    quanto mi dai?
    quanto vuoi?
    soldi e sesso
    sesso esoldi
    che ebbrezza
    che piacere
    compro tutto
    datemi il mondo
    col mio corpo
    compro tutto
    e con i soldi
    faccio morire
    e vivere
    tutti
    Maria Lo Bianco

    ps questa è l’ultima che ho scritto..per mezzocielo

  5. silvia ha detto:

    Non è certo nuova la poesia che propongo, eppure non mi stanco mai di rileggere questi versi di Montale.
    Buona estate a tutte voi!

    Meriggiare pallido e assorto
    presso un rovente muro d’orto,
    ascoltare tra i pruni e gli sterpi
    schiocchi di merli, frusci di serpi.

    Nelle crepe del suolo o su la veccia
    spiar le file di rosse formiche
    ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano
    a sommo di minuscole biche.

    Osservare tra frondi il palpitare
    lontano di scaglie di mare
    mentre si levano tremuli scricchi
    di cicale dai calvi picchi.

    E andando nel sole che abbaglia
    sentire con triste meraviglia
    com’è tutta la vita e il suo travaglio
    in questo seguitare una muraglia
    che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

  6. maria ha detto:

    UNA STELLA LUMINOSA E COLORATA

    è tutto finito
    l’alba il tramonto
    due cose scontate
    le labbra il sesso
    due cose troppo raccontate
    lo scrittore scrive scrive
    ma è là che vuole andare a finire
    la scrittrice racconta racconta
    ma è sul cuore e i sentimenti che
    vuole precipitare
    senza gemiti senza movimenti scomposti
    ma con assoluta tenerezza
    chi di voi si è censurata alzi la mano destra
    chi di voi si è tradita alzi la sinistra quella del cuore
    chi di voi si è alzata male la mattina
    si prepari il caffè icon abbattimento e prostrazione
    chi vuole dormire più a lungo si prenda l’ipnolor
    un impostore del sonno duratuto
    il sonno e la veglia
    tra loro la vita
    un’espressione amata
    troppo amata
    umano troppo umano
    perchè poetessa quando la mente e il cuore
    insieme pensano troppo
    a un’altra
    interviene il corpo con le sue pretese fisiche?
    e la bocca vuole toccare
    e la lingua vuole amare da sola
    umano troppo umano
    conosco una creatura extraterrestre che tutti conosceva
    ed era parente del mondo umano
    ma lo detestava
    e un giorno mise un punto finale
    e conclusione al viaggio
    di una stella luminosa e colorata
    come una postazione artificiale
    blu rosa e bianca
    e la luna si arrabbiò
    per la fine scontata
    un po’ troppo
    e crudele
    crudeltà all’aria aperta
    basta.
    Maria Lo Bianco

  7. maria ha detto:

    Ho messo negli occhi
    un po’ di blu
    ho messo i capelli
    un po’ più in su
    avrei pagato non so che
    per conquistarla
    mie ero scordata
    per un po’
    di avere due volte
    diciotto anni
    Maria Lo Bianco

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement