la ragazza, la brina, il mare, il poeta

12 dicembre 2017 di: Carlotta Bertini

Da noi, in Lombardia, i prati al mattino sono bianchi di brina, l’aria è gelida e il sole del mezzogiorno non riscalda abbastanza. Le ragazze seguono la moda, al collo giri di boa di lana spessa fanno da cornice ai volti. Le teste incappucciate da berrettoni calati sulla fronte sottolineano gli occhi. Corte ecopellicce rosa shocking, arancione, maculate e tigrate vanno per la maggiore  a riscaldare  le fredde mattine in tram e metropolitana.

Il pensiero vola, le immagini rievocano vacanze esotiche, la memoria corre a un grande poeta brasiliano, Vinicius de Moraes  che canta la donna e l’amore  con garbo e maestria. Le ragazze di Ipanema, con la loro bellezza, permettono di sognare  il mare, il caldo, una spiaggia sconfinata. Il prato bianco di brina non c è più.

E’ necessario che tutto questo sia bello. Vieni a tuffarti in me come nel mare.

Ragazza di Ipanema

Guarda che cosa bella

Piena di grazia

E’ lei, la ragazza

Che sta passando

Dondolandosi dolcemente

Verso il mare…

 Bambina dal corpo dorato

Dal sole di Ipanema

Il suo dondolio

È più di una poesia

È la cosa più bella 

Che ho visto mai passare.

 Ah, perché sto così solo

Ah, perché tutto è così triste

Ah, la bellezza che esiste

La bellezza che non è solo mia

Anche lei passa da sola…

 Ah, lei sapesse

Che quando passa

Il mondo sorride

Si riempie di grazia

E diventa più bello

Per colpa dell’amore…

 

Vinicius de Moraes, traduzione di Sergio Bardotti

 

 

 

 

 

2 commenti su questo articolo:

  1. Eliana ha detto:

    Mezzocielo è sempre una sorpresa non mi aspettavo oggi questa ragazza de Ipanema che cantammo da giovani e che continuano a cantare i giovani d’oggi…Mezzocielo sa anche far sorridere e riempire il mondo di grazia.

  2. Federica Aluzzo ha detto:

    Oh che bello per Natale ricordare il caldo delle spiagge, musica, poesia, bosanova, tango e politica mia grande passione
    Evviva Vinicius de Morales. Evviva la gioia nei cuori che dovrebbe portare il Natale.

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement