il fantasma di Zabut

27 ottobre 2017 di: Adriana Palmeri

Un piccolo migrante arabo è il protagonista della deliziosa favola illustrata scritta da Antonella Maggio, nata a Sambuca di Sicilia, maestra di scuola primaria e da sempre impegnata politicamente nel suo territorio.

Una storia straordinaria di immigrazione, così l’ha sognata l’autrice: Al Zabut è un principino arabo che vuole conoscere e scoprire nuovi luoghi. Dapprima è solo a desiderare questa avventura ma ben presto saranno trecento nuovi esploratori a seguirlo . Dopo giorni di navigazione i vascelli approdano a Lampuga (Lampedusa) un’isola felice. Si rallegrano e festeggiano e condividono tutto con i nativi. Ma la perfetta integrazione turba i prepotenti di turno che con soprusi e violenza impongono le loro ingiuste regole infrangendo i principi di accoglienza, di libertà e speranza.

Sarà la voglia di rivivere l’esperienza vissuta in quel luogo unico e speciale, che spinge Lampugani e arabi insieme, incitati dalla vocina del fantasma del principino Zabut, a ribellarsi ai prepotenti ripristinando quel piccolo luogo di felicità senza privilegi né ingiustizie.

Pagine colorate e bellissime che fanno sognare storie di immigrazione come tutti vorremmo che fossero nella realtà e come purtroppo non è.

 

 

1 commento su questo articolo:

  1. Antonella Maggio ha detto:

    Grazie per le parole e per la visione autentica della mia fiaba.Un abbraccio a tutte voi in particolare a Simona Mafai che mi ha sempre seguita ,affettuosamente, in questa fase difficilissima della mia vita.
    7TBK

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement