pensiero notturno

30 ottobre 2016 di: Marina Gasperini

L’assassino torna sempre sul luogo del delitto. Per cancellare eventuali tracce dimenticate o forse per riprovare l’emozione, se non il godimento, del crimine commesso. Ma la vittima? Perché ritorna? Per esorcizzare le proprie rimozioni?

Gli “psi” di vario genere sostengono la necessità di fare i conti con il proprio passato, di non lasciare zone d’ombra.

Allora, eccomi qui, a Roma, pronta al peggio, come si dice.

Risorgono immagini e fantasmi della giovinezza, ma anche tanti ricordi piacevoli, anzi proprio belli, e ripercorrendo, proustianamente, il tempo perduto ritrovo gli ideali della mia generazione e, al di là delle vicende personali, ritornano alla mente manifestazioni e bandiere, canti e assemblee, “questione morale” e Petroselli sindaco di Roma.

Che cosa è successo a questa città, che ha paura di non essere in grado di combattere la corruzione e perciò preferisce rinunciare all’organizzazione delle olimpiadi? Che succede ai suoi cittadini che hanno votato “contro”, senza riflettere sul “dopo”?

Certo, io che vivo da tanti anni all’estero posso suscitare antipatia con le mie critiche, tanto pù che vivo in un paese che ha votato contro i frontalieri italiani, ma, se mi permetto di commentare la vita di questa città, è unicamente perché io a mamma Roma le voglio “troppo bene”.

1 commento su questo articolo:

  1. gemma ha detto:

    Siamo tanti a Roma , veramente tanti: residenti, non residenti, turisti, pendolari, studenti fuori sede, gente che va, gente che viene, gente che torna, e che parte. Chi sono e da dove vengono tutti questi esseri umani che popolano la metropolitana, il centro storico, le periferie, i centri commerciali, i ministeri…un mondo immenso, difficile da governare e controllare, pieno di contraddizioni, di storia, di presente e di futuro. Il terremoto ha sconvolto il centro dell’Italia ma i telegiornali, quasi tutti con sede a Roma, raccontavano in diretta le scosse e la paura. Alla fine mamma Roma è sempre e comunque sotto i riflettori.

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement