la fertilità è un bene … comune?

6 settembre 2016 di: Daria D'Angelo

So che forse non sarebbe il caso di scrivere su un argomento già ampiamente criticato e commentato da molti, ma, da non mamma, non riesco facilmente a trattenere la rabbia di questa nuova trovata: il Fertility Day.

La principale critica, la più spontanea alla campagna è per lo slogan “La fertilità è un bene comune”. Non è così. La fertilità è una caratteristica fisica che purtroppo non è comune a tutte le donne, l’argomento è psicologicamente molto delicato, e il Ministero della Salute dovrebbe casomai adoperarsi per rendere accessibile la procreazione alle coppie che hanno un problema di sterilità.

Altri slogan della campagna, poi, colpevolizzano le donne che per volontà o per altri problemi non hanno avuto figli.

«In un Paese con il tasso di disoccupazione come quello italiano, dove chi ha talento, ambizioni e speranze emigra – scrive Saviano – dove chi non ha la solidità economica di una famiglia che possa garantire studi e accesso alla professione, lascia il Paese, sembra una presa in giro».

La fertilità come dovere, l’infertilità come colpa.

Quello che fa più rabbia è che la campagna tende a sviluppare sensi di colpa, e responsabilità di fronte a noi stesse, fa accostamenti fra la creatività e il desiderio di essere genitori, sulla bellezza messa in relazione al nostro apparato riproduttivo. Nessun richiamo, però, agli incentivi per l’infertilità e alle risposte del Servizio sanitario nazionale, alle discriminazioni sul lavoro subite dalle donne dopo il parto, agli ammortizzatori sociali, ai servizi rivolti alle famiglie, a una campagna vera di emancipazione culturale rispetto alle politiche di genere che includa l’ambivalenza delle responsabilità genitoriali.

La volontà non c’entra sempre, e in ogni caso nessun governo ci può consigliare di fare un figlio, né educarci a niente, siamo tutte assolutamente consapevoli della nostra condizione. Questa campagna non ci riguarda perché non abbiamo bisogno che qualcuno ci ricordi che non siamo fertili per la vita, lo sappiamo bene, e se quel limite di età è stato superato può voler dire che il limite era in qualcos’altro, oppure che è stata una libera scelta. In un caso e nell’altro quella campagna non affronta i motivi alla base delle nostre scelte, non scioglie i nodi da risolvere e non spiega il motivo dei viaggi all’estero di chi non riesce ad avere figli.

2 commenti su questo articolo:

  1. Ornella Papitto ha detto:

    Mia nonna direbbe: “che cattivo gusto!”; “che mancanza di sensibilità!”; “che grossolanità”!; “che volgarità!”.
    La penso esattamente come lei, anche a distanza di vari decenni.
    Ma la Lorenzin di chi si circonda? Da chi si fa consigliare per una campagna pubblicitaria che sembra adatta a Stati o Nazioni dove non esiste la Sanità e tantomeno la Prevenzione primaria? Ma dove vive? Su quale piano di realtà decide?
    Una poveretta, ignorante, volgare e violenta. Un pessimo esempio di Ministro, perfetto per Stati arretrati e maschilisti.
    Se avesse “buon gusto” ed intelligenza si dovrebbe dimettere, immediatamente.

  2. Irene.p ha detto:

    La Lorenzin si occupa di medicina,bene ed allora faccia il medico, il ministro della sanità comporta tante altre cose.Non si puo’ andare in paradiso in carrozza, ne al governo in autombulanza

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement