La corsa del tempo

15 novembre 2015 di: Anna Achmàtova

Quando le parole non possono, parla la poesia. In memoria delle vittime della strage di Parigi di venerdì 13.

Non odi il salmo funebre

quando interrano un’epoca,

hanno il compito di abbellirla

l’ortica, il cardo.

I becchini soltanto

lavorano sodo. È urgente!

E fa un silenzio, Signore, un silenzio,

che si sente come cammina il tempo.

Più tardi riemerge, quasi in un fiume

a primavera un cadavere;

ma il figlio non riconosce la madre,

il nipote si volta angosciato,

e le teste si infossano più basse,

e come un pendolo muove la luna.

Ecco…

ora c’è questo silenzio.

2 commenti su questo articolo:

  1. Adele ha detto:

    Avete dimostrato come sempre sensibilità e grazia sia nella scelta della poesia, sia delle foto,

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement