le belle statuine, levigate e botulate

29 marzo 2015 di: Rosanna Pirajno

Le donne che si fanno piallare le rughe io non le condanno, il desiderio di sentirsi fresche e piacenti quando il tempo inizia a infierire sul corpo è molto umano, fa quasi tenerezza. A parte la Magnani, di cui si riporta la famosa frase sulla volontà di mantenerle a tutti i costi, le sue rughe di espressione, da che mondo e mondo le bellissime si sono concesse ad ogni sortilegio di maghi e fattucchiere pur di evitare i segni della temibile vecchiezza – «orribil cosa fece la vecchiezza un dio» imparai al liceo da Mimnermo – e la favolistica e persino il cinema ci hanno raccontato di donne che oscuravano con drappi neri gli specchi di casa, di altre che calavano spesse velette dai cappellini, e persino di megere capaci di uccidere pur di non perdere il primato della bellezza.

Ma farsi tirare la faccia per diventare mascheroni lucidi e levigati, con i lineamenti tutti uguali, zigomi alti e labbroni a canotto, occhi e sguardi inespressivi e persino i sorrisi difficoltosi, questo proprio non lo capisco. Non capisco come quaranta-cinquantenni “in vista” – attrici, presentatrici, manager et similia – possano preferire, al naturale cedimento dei tessuti che difficilmente le trasformerebbe in mostro, questa falsa levigatezza omologante e parecchio “mostrificante”, che è pure costosa e soggetta a revisioni periodiche per scongiurare collassi, credendosi giovani e belle come a vent’anni. Senza rendersi conto di farsi simulacri di una bellezza artificiale che le apparenta tutte, un esercito di bellone appartenenti alla etnia delle “rifatte” chirurgicamente, e da mani maschili per giunta.

P.s. Ci siamo quelle che, per principio o per denaro che non c’è, non lo faremmo mai. Ma non nascondo che comincio a guardare con preoccupazione le mie rughe crescenti: e se diventassero insopportabili e mi sentissi io la “diversa”, sarebbe un segnale di cedimento al nuovo corso delle eternamente giovani-fuori?

2 commenti su questo articolo:

  1. gemma ha detto:

    La relazione che abbiamo con il nostro corpo ci mette in relazione con gli altri. Se ci accettiamo, allora ci sentiamo accettati per quello che siamo. La variabilità è uno dei presupposti dell’evoluzione. Pensare di adeguare la nostra immagine a modelli stereotipati, spesso lontani dalle nostre caratteristiche genetiche, è assolutamente innaturale. La vera bellezza sta nella diversità.

  2. Marcella Geraci ha detto:

    Bell’articolo, davvero! Qua non si tratta, infatti, di condannare, perchè il desiderio di giovinezza è umano e molto comprensibile in una società come questa. Secondo me, una delle nuove sfide che le sinistre devono raccogliere non può tralasciare il corpo nella sua relazione con il mondo.

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement