piccoli amori romanzati

18 aprile 2014 di: Anna Trapani

Domenica 6 aprile alla libreria Modusvivendi è stato presentato il libro Piccoli amori (da Paul a Pedro) di Franziska zu Reventlow, pubblicato da Elliot. Ne ha parlato Rita Calabrese, traduttrice del romanzo. Personaggio controverso e discusso ma ricco di fascino, la contessa Franziska zu Reventlow è più nota come “la contessa dello scandalo”. Nata ad Husum nel 1871, scrittrice, pittrice e traduttrice tedesca fu ragazza madre che, per allontanarsi dall’ambiente aristocratico che la soffocava, si trasferì a Monaco nel quartiere di Schwabing che divenne il centro della sua attività non solo intellettuale ma anche di amante instancabile. Infatti, nel romanzo presentato giorno 6 la vediamo alle prese con un siciliano dal sangue caldo, un inglese avanti negli anni e un giovane poeta, ma pure con avventure di pochi giorni o di una sola notte. Il libro fu pubblicato nel 1912. La Reventlow è ritornata in auge grazie alle femministe degli anni Settanta perché antesignana della libertà sessuale, anche se non particolarmente interessata alla emancipazione politica e sociale.

Ma affronta anche con un linguaggio tipico della conversazione salottiera di gusto francese, argomenti quanto mai attuali come i complessi rapporti tra uomini e donne, lo stesso concetto di maschile e femminile, la malattia, la morte, l’eutanasia e la denuncia di teorie razziste e nazionaliste ancora in nuce a quel tempo in Germania,  insomma tante cose che fanno del libro un libro da leggere.

1 commento su questo articolo:

  1. silvia ha detto:

    Grazie per le recensioni che pubblicate, sono sempre molto gradite.

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement