esecrazioni manzoniane

3 febbraio 2014 di: Clara Margani

Chiedo profondamente scusa ad Alessandro Manzoni se mi permetto qui di citare alcuni suoi versi dalla metrica coinvolgente, che appartengono alla tragedia  Il Conte di Carmagnola, i quali mi sembrano descrivere in maniera quasi profetica quanto avvenuto alla Camera nei giorni precedenti.

S’ode a destra uno squillo di tromba;

a sinistra risponde uno squillo:

d’ambo i lati calpesto rimbomba

da cavalli e da fanti il terren.

Quinci spunta per l’aria un vessillo;

quindi un altro s’avanza spiegato:

ecco appare un drappello schierato;

ecco un altro che incontro gli vien.

Già di mezzo sparito è il terreno;

già le spade rispingon le spade;

l’un dell’altro le immerge nel seno;

gronda il sangue; raddoppia il ferir.

– Chi son essi? Alle belle contrade

qual ne venne straniero a far guerra?

Qual è quei che ha giurato la terra

dove nacque far salva, o morir?

– D’una terra son tutti: un linguaggio

parlan tutti: fratelli li dice

lo straniero: il comune lignaggio

a ognun d’essi dal volto traspar.

Questa terra fu a tutti nudrice,

questa terra di sangue ora intrisa,

che natura dall’altre ha divisa,

e ricinta con l’alpe e col mar.

– Ahi! Qual d’essi il sacrilego brando

trasse il primo il fratello a ferire?

Oh terror! Del conflitto esecrando

la cagione esecranda qual è?

Ed è proprio così, caro Alessandro, esecrando è il conflitto ed esecranda la cagione, ma tu allora non potevi saperlo che dal campo di battaglia ci si sarebbe spostati nell’aula dei rappresentanti eletti democraticamente da quello che tu chiamavi allora «un volgo disperso che nome non h»a e ci invii questo sdegnato rimprovero attraverso le tue accorate parole, che forse i protagonisti dell’attuale scontro politico hanno letto ai tempi della scuola, ma su cui non hanno riflettuto opportunamente.

1 commento su questo articolo:

  1. Enrica ha detto:

    Clara Margani sei troppo forte!

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement