da leggere correttamente

5 novembre 2013 di: Fortunata Pace

Lungo, esauriente, lucidissimo pezzo di Eugenio Scalfari su Repubblica di quest’ultima domenica dal titolo ammonitore “se vince Grillo il paese va a rotoli”. Perfavore che lo si legga correttamente e con la voglia vera di vedere le cose oltre quelle denunce populiste e urlate che giocano a nascondere il disegno più antidemocratico e reazionario, in cui l’Italia davvero perderebbe tutte le sue carte. Con i media e i loro ospiti pronti a parlare sempre di Grillo, con i politici che nei pubblici dibattiti o peggio all’interno del loro schieramento politico tentano di accattivarselo, forse l’Italia a rotoli c’è già andata! A parte i suoi mali, i suoi rischi, la precarietà del suo futuro. Ma distinguere occorre, guardare oltre fatti e parole è necessario. Stiamo male, ma Grillo o chi per lui e dietro di lui non può, non deve irretire gli italiani allo sbando. Se qualcuno, profittando proprio di ciò che ci manca o ci vuole far mancare ciò che avevamo conquistato: libertà e democrazia, usciamo da inutili cori, mettiamo quel che ci dice Scalfari, a portata di mano, sul comodino, nei dibattiti domenicali.

(Manco a dirlo, la reazione di Grillo sul suo blog è stata sferzante: invasione di ultrascalfari, colpi contro M5S sotto la cintura, pennivendolo da sfondamento vecchio e barbuto … questi i termini meno pesanti)

1 commento su questo articolo:

  1. Gambusi ha detto:

    Grillo, specchio della gente italica ignorante e cialtrona. Uguale a Berlusconi. Padroni delle menti altrui. Padroni delle pecore italiche. Peccato che giovani menti si siano fatte ubriacare dalla rabbia proveniente dalle frustrazioni personali del Grullo. Si Grullo! Non Grillo.

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement