le foto di Black che ama-odia la sua citt

14 agosto 2013 di: Stefania Di Filippo

Nelle calde giornate estive nessuno si immaginerebbe mai che, nella libreria di una delle vie principali di Agrigento, si possa trovare una mostra fotografica che spiega il percorso di una città abbandonata a se stessa e contestualmente il percorso di ricostruzione interiore di Black Bacarra, la giovane fotografa in questione. Non posso non parlare delle sue foto senza parlare di Agrigento, di lei e di ciò che della sua città natale rivela negli scatti in bianco e nero dove una sposa abbandonata è lo specchio dell’assenza, dell’assenza di amore, di attenzione, di cure, le stesse che mancano ad una città piena di storia, piena di storie; che potrebbe avere molto da raccontare e da ricordare e che potrebbe portare vantaggi alla sua popolazione ed invece si ritrova a far sì che palazzi antichi siano il ritrovo di gente che di “artistico” ha ben poco.

Si tratta della storia di una ragazza che vuole fare qualcosa di diverso della sua vita, di ciò che “vuole fare da grande” ma che si ritrova a parlare senza essere ascoltata, perché si trova, dopo anni di studi play pokie machines online specifici (Ha studiato alla scuola di Fumetto) in una realtà che, oltre ad ignorare le proprie viscere e le proprie origini, ignora anche, fortunatamente non del tutto, quella che è la fotografia che nasce dalla cultura perché, adesso, vanno di moda solo le foto che immortalano serate in discoteca in cui tutti fanno finta di essere felici con un bicchiere in mano, oppure le foto di donne bellissime aiutate, spesso, molto dalle capacità di nuovi programmi come Photoshop. Parlando con Black, mi ritrovo davanti una ragazza fragile, che ha dovuto “distruggere” quello che era per diventare qualcos’altro, per rinascere come White Liluim dopo aver, nell’ultimo anno, perso 40 kg e aver capito che era arrivato il momento di mettersi in gioco, di prendersi cura di sé e di non avere paura di mostrare ciò che è, anche se qualcuno potrebbe non apprezzare; ed ha cominciato con questa mostra, con una mostra nella sua città; con una mostra che vuole essere una dimostrazione di amore/odio verso ciò da cui proviene, perché è questo che mi dice essere il rapporto con Agrigento e con gli agrigentini.

5 commenti su questo articolo:

  1. Ornella Papitto ha detto:

    La fotografia è l’arte dell’anima. Non usa parole, ma emozioni. Forza giovane donna, non farti offendere dalla miseria dei molti. Continua a raccontarci…

  2. read more ha detto:

    Thanks For Your Beneficial Post. Over Time, I Have Been Able To Understand That The Particular Symptoms Of Mesothelioma Cancer Are Caused By The Particular Build Up Associated Fluid Between Lining Of The Lung And The Chest Cavity. The Disease May Start Inside Chest Region And Multiply To Other Limbs. Other Symptoms Of Pleural Mesothelioma Include Weight-loss, Severe Breathing In Trouble, A Fever, Difficulty Taking In Food, And Inflammation Of The Face And Neck Areas. It Needs To Be Noted Some People Existing With The Disease Usually Do Not Experience Almost Any Serious Symptoms At All.

  3. kunjungi disini ha detto:

    Saya sangat senang untuk menemukan situs ini pada google. saya ingin mengucapkan banyak terima kasih kepada Anda berkaitan dengan posting ini luar biasa!

  4. That is so good t hings to draw like that. It’s interesting for me to do that. Have fun and enjoy the things you like.

  5. I like this photographic exhibition, it reveals people selling! thanks a lot for such a post, I think art develops our personality!

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement