la giornata della terra

22 aprile 2013 di: mezzocielo

Per la Giornata della Terra, che si celebra oggi, vi proponiamo una poesia di Francesca Traina e l’inizio di un pezzo inviatoci dal Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo.

Ricorre il 22 aprile la “Giornata della Terra”, il giorno in cui si richiama l’attenzione di ogni persona, della società civile globale e delle istituzioni di tutto il mondo sulla catastrofe ecologica in corso e sulla necessità di porre rimedio prima che sia troppo tardi.

E’ polemica annosa, ed in ultima analisi esercizio sterile, interrogarsi ancora se queste “giornate internazionali” ad uno od altro argomento dedicate abbiano una reale efficacia o non siano invece funzionali alla spettacolarizzazione delle questioni e quindi alla deresponsabilizzazione di massa: per parte nostra ci sembra evidente che e’ sempre meglio che un fatto, ovvero un problema, o un compito, sia segnalato piuttosto che occultato o rimosso o dimenticato…..

-La terra che accoglierà i miei passi

-dovrà essere friabile

-perché profonda vi si imprima

-la memoria di questa negazione

-e se guarderò il sole alle mie spalle

-rispecchierà l’asprezza del dolore

-che hai saputo darmi senza maestria

-solo con la stoltezza dei tuoi anni.

Francesca Traìna

3 commenti su questo articolo:

  1. Rosalba ha detto:

    ricordare la terra è importante perchè la sua distruzione possa essere fermata, facciamo in modo di salvarla dalla bruttezza. la poesia è una posibilità insieme alle arti: questo accostamento che avete fatto è veramente bello

  2. Bianca ha detto:

    Splendida l’idea di commemorare una terra che noi stiamo distruggendo, donne o uomini di mezzocielo proteggete la terra e leggete le bellissime poesie di Francesca

  3. maria grazia ha detto:

    triste e molto bella la poesia di francesca t.

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement