poesie che le feste si portano via

7 gennaio 2013 di: Machado, Evtusenko

Sole d’inverno

E’ mezzogiorno. Un parco.

Inverno. Bianchi viottoli;

monticelli simmetrici

e scheletrici rami.

Dentro la serra

aranci nei vasi,

e nella botte, dipinta

di verde, la palma.

Dice un vecchietto,

fra il suo vecchio se stesso:

– Il sole, questa bellezza

di sole!…- I bimbi giocano:

l’acqua della fontana

scivola, scorre, quasi muta,

la verdognola pietra.

A. Machado

**********

Era lei, la neve

E un mattino

appena alzati, pieni di sonno,

ignari ancora,

d’improvviso aperta la porta,

meravigliati la calpestammo:

Posava, alta e pulita

in tutta la sua tenera semplicità.

Era

timidamente festosa

era

fittissimamente di sé sicura.

Giacque

in terra

sui tetti

e stupì tutti

con la sua bianchezza.

E. Evtusenko

1 commento su questo articolo:

  1. M.C ha detto:

    VOGLIAMO POESIE, MEZZOCIELO DACCI LA NOSTRA POESIA QUOTIDIANA!

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement