30 dicembre

30 dicembre 2012 di: Wendy Cope

Dedichiamo la poesia della poeta inglese Wendy Cope, profonda conoscitrice del nostro Paese, alla grande scienziata Rita Levi Montalcini scomparsa oggi all’età di 103 anni. La neurologa e senatrice a vita, Premio Nobel per la medicina nel 1986, era nata a Torino nel 1909. Personalità italiana tra le più importanti e conosciute, era celebre per le sue numerose scoperte. Vinse il Nobel per la scoperta e l’identificazione del fattore di accrescimento della fibra nervosa.

Dapprincipio mi allarmo al suono delle bici

sopra la testa. E poi li vedo, due cigni

in volo verso il piccolo scappato dietro le canne.

Si scivola sul ponte, l’erba è così zuppa

che l’acqua penetra nelle scarpe. Ma ora

il sole è spuntato e tutto è sereno

e bello come la fine di un’angoscia.

Natale è stato un ammasso

di ossa di tacchino e muto litigare.

Gli ospiti sono partiti.

Passeggiatori solitari sorridono e si dicono

che la giornata è stupenda.

Come vorrei che ora fosse Natale,

questi prati lucenti,

il fruscio di grandi ali nel cielo.

2 commenti su questo articolo:

  1. Federica Aluzzo ha detto:

    Ricordo che nel 1997 il sindaco di Palermo Leoluca Orlando conferì a Rita Levi Montalcini la cittadinanza onoraria della città. Mi fa piacere riportare le parole che Lei riportò in quell’occasione: “Mi sento un po piemontese e un pò siciliana e sono felice di diventare una cittadina di Palermo per ricordare che l’Italia è una, dalle Alpi fino al Mediterraneo”. La sua vita ha arricchito la vita di tutti noi..

  2. gemma ha detto:

    si è dedicata completamente all’umanità coltivando, come ha più volte dichiarato, le sue tre passioni: la ricerca scientifica. le persone care, il prossimo
    le siamo immensamente riconoscenti

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement