Cure dimezzate ai malati di tumore…

3 ottobre 2011 di: SALVO PALAZZOLO

PALERMO – Per la prima volta, in Sicilia, le microspie non sono state piazzate nel covo di un mafioso, ma nelle cliniche private più esclusive del capoluogo. E le sorprese sono arrivate presto: “Perché dobbiamo spendere soldi…”, si lamentava la dottoressa Maria Teresa Latteri, manager dell’omonima clinica che a Palermo opera dal 1948. Ai suoi medici diede un ordine perentorio, niente più “Tad”, il disintossicante che viene somministrato ai malati di tumore dopo la chemioterapia. Ma l’ordine non riguardava tutti i pazienti, solo quelli entrati in clinica con un “day service”, per cui la Regione rimborsa solo 100 euro a seduta. (…)

Nelle intercettazioni sono finite pure le drammatiche parole dei malati, che telefonavano ai medici della clinica: “Sono rosso in viso, come se avessi delle vampate”. Ma la politica del risparmio sembrava non ammettere deroghe. “Tu ragioni da medico, io da imprenditrice”, disse la Latteri a uno dei suoi collaboratori che continuava a lamentarsi. “Io devo spendere il doppio di quanto spendevo prima, per non ricevere nulla”. Durante le indagini, la Procura è stata addirittura costretta a intervenire alla clinica Latteri, per evitare conseguenze drammatiche ad un paziente a cui non sarebbe stata somministrata albumina. Il 4 agosto 2009, i carabinieri del Nas intercettarono la dottoressa Federica Latteri mentre diceva al telefono a Maria Teresa Latteri: “(…) Siccome per dire questa sta facendo albumina, io non gli faccio altri 10 giorni di albumina che si spendono un putiferio di soldi a matula (inutilmente, ndr)”. La dottoressa Maria Teresa disse: “Nooo, infatti… “.

Articolo tratto da LaRepubblica del 2 Ottobre 2011

Per una lettura integrale http://palermo.repubblica.it/cronaca/2011/10/02/news/dsd_ad-22550729/

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement