dopo la festa

31 luglio 2011 di: Rossella Caleca

A distanza di qualche settimana dalla festa di compleanno di Mezzocielo, restano gli echi e i colori delle tante emozioni della serata. Emozioni lucide, suscitate dalle parole di chi si avvicendava sul palco, divenute le nostre parole; piacere di sentire l’aria di festa, di sentirsi parte di una storia, di un percorso fatto di impegno civile e politico, di espressione letteraria e artistica, nel quale in tante e tanti sono, siamo cresciuti; gioia per i tanti incontri, del ritrovarsi come persone con diverse età e percorsi di vita a discutere e condividere idee, proteste, proposte. Emergono anche riflessioni, decantate nei giorni trascorsi: la partecipazione alla festa è stata davvero vasta, comprendendo persone che non erano ancora lettrici/lettori di Mezzocielo o frequentatrici della nostra piccola comunità web, che in questa occasione sono state coinvolte e hanno svolto un ruolo (penso alle artigiane che hanno esposto i loro lavori, alle operatrici di altre associazioni, ad operatrici e operatori culturali, artiste e artisti) o che ci hanno conosciuto adesso, essendo portatrici di esperienze varie e diverse. Perché, allora, non creare altre opportunità di incontro e confronto (magari in forma meno impegnativa) anche su temi di interesse collettivo, sociali o culturali? C’è in giro voglia di partecipare, di cambiare. Da tempo se ne sentiva la mancanza.

2 commenti su questo articolo:

  1. evelina ha detto:

    emozioni e sentimenti che molte di noi hanno condiviso, ottima idea quella di Rossella, proponiamoci di rifare qualcosa in piccolo ma molto simile, brave ancora a tutte le”mezzocielo”

  2. simona mafai ha detto:

    Come promotrice e protagonista, assieme a tutto il vasto collettivo di Mezzocielo, della giornata di festa per i 20 anni della rivista, forse dovrei astenermi dal tornare a parlarne; ma lo scritto di Rossella è così fresco e sincero; ed è così bello vedere che i progetti si sono realizzati, che il messaggio che si voleva inviare è stato raccolto, che tante donne – amiche antiche e nuove – ci hanno capito, condividono le nostre idee e i nostri sogni, che mi perdonerete un ulteriore commento che può apparire autoreferenziale. Grazie, Rossella. E’ bene inventare e proporre cose nuove. I tuoi suggerimenti non andranno perduti e prenderanno una qualche forma in futuro.

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement