fotografia dell’11 settembre

10 settembre 2010 di: Wislawa Szyborska

Sono saltati giù dai piani in fiamme –

uno, due, ancora qualcuno

sopra, sotto.

La fotografia li ha fissati vivi,

e ora li conserva

sopra la terra verso la terra.

Ognuno e’ ancora un tutto

con il proprio viso

e il sangue ben nascosto.

C’è abbastanza tempo

perché si scompiglino i capelli

e dalle tasche cadano

gli spiccioli, le chiavi.

Restano ancora nella sfera dell’aria,

nell’ambito di luoghi

che si sono appena aperti.

Solo due cose posso fare per loro –

descrivere quel volo

e non aggiungere l’ultima frase.

1 commento su questo articolo:

  1. simonetta ha detto:

    A volte una poesia dice più di un articolo, spiega più di tante spiegazioni

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement