Impressioni di Berlino

29 aprile 2010 di: Teodora Pottino

Berlino e le sue contraddizioni, Berlino e i suoi spazi immensi, che conservano  un’aria desolata, nonostante il verde e le strutture d’avanguardia. Berlino , Berlino. Più ripeto il suo nome, più mi vengono in mente le sue strade grandi, pulite, ordinate, un po’ spoglie e animate per lo più dall’imponenza dei palazzi .

E’ come se nascondesse un segreto Berlino, una sofferenza che si nasconde in questa perfetta regolarità e che viene fuori di notte,  tra l’erba e gli allucinogeni del centro sociale, nelle birrerie di Alexanderplatz o  nell’arte di strada.

Il muro di Berlino esiste ancora, ma non è un muro che divide un est dall’ovest, ma due cuori, uno freddo, muto, imponente da un altro che invece è vivo, graffiante, estremo.

Convivono insieme, essendo l’uno origine e nello stesso tempo conseguenza dell’altro ed è  in questo convivere ecco che danno vita a lei, Berlino, così come io l’ho sentita.

2 commenti su questo articolo:

  1. laura collura ha detto:

    Cara Teodora,
    bella la foto! ma l’hai fatta tu? complimenti! hai colto le contraddizioni di questa strana città, dove si respira nell’aria la tristezza di qualcosa di tremendo che è accaduto, ma che, nonostante la ineccepibile efficienza germanica, continua ad emanare il suo odore di morte..
    CIAO
    la tua prof

  2. L C ha detto:

    Non ho mai avuto l’occasione di andare a Berlino, ma in poche righe sei riuscita a dipingere nei dettagli questa città per come l’hai vissuta…Complimenti davvero, non è da tutti riuscirci!

Commenta questo articolo:







*
AdvertisementAdvertisementAdvertisementAdvertisement